La nostra prima gravidanza è cominciata nel 2006 per concludersi a Marzo 2007 col venire alla luce di Beniamino.

Eravamo inesperti e spaventati…anche se nel profondo sentivo in me la consapevolezza di poter partorire, facendocela senza l’aiuto di nessuno, sentendo che quel momento era una cosa mia, anzi nostra, mia, di mio marito e nostro figlio.  Avvertivo l’immensità di ciò che ancora non sapevo riconoscere e percepivo che tutto ciò che ci avrebbe circondato doveva essere come piuma portata dal vento, delicata e soave senza urti ed invadenze. Tutto inizia qui con la nascita del piccolo Beniamino, che avviene in ospedale, ma contornata e protetta dalla presenza di figure familiari e sante, che ci hanno poi accompagnato negli altri nostri parti. L’ambiente, nonostante abbracciato da questi “angeli”, mi disturbava…sentivo le altre donne partorire e non capivo quelle grida…ho provato spavento e per circa due ore ho avuto contrazioni senza alcuna dilatazione…finalmente riesco a riabbandonarmi a queste onde, che si fanno sempre più intense ed ecco che alle prime luci dell’alba, con la furia di un cavallo libero, il mio guerriero decide di venire al mondo. Il suo primo vagito è stato un grande sospiro, che esprimeva la sua vittoria e la sua stanchezza!

Il secondo parto è stato voluto, desiderato e atteso nella nostra casa, nella consapevolezza di non voler rivivere quella violenza, che ha inibito il nostro primo viaggio. Gli odori, i rumori, le voci, i colori dell’ospedale, erano avversi al mio sentire, che aveva bisogno di sicurezza, naturalezza e protezione…SERAFINO, nato nel 2009, è venuto tra le nostre braccia tra canti, preghiere e fratelli amati, che ci hanno accompagnato in questa esperienza unica e irripetibile…è stato il momento più dolce, intenso e meraviglioso della nostra vita. La rottura del sacco amniotico di Serafino ha pervaso l’ambiente di un profumo di Vita ed Infinito, che ha aleggiato nell’aria per lunghi giorni.

Il terzo miracolo è avvenuto nel 2012 con la nascita di LUCE. Questo parto è stato l’esempio della potenza della Vita. Siamo arrivati alla nascita di nostra figlia molto stanchi e provati, per vari motivi esterni alla nostra famiglia, Dio ci ha dimostrato che siamo dei contenitori di cui Lui fa uso e che non possiamo nulla senza la Sua forza! Arrivata a quel momento quasi senza alcuna energia, un impeto travolgente mi ha trasportato in quel miracolo dei miracoli che si chiama Vita. In Lei, la nostra piccola eroina, era impressa tutta la potenza di Dio, la sua tenacia, il suo coraggio hanno reso quel momento assolutamente trascendentale…sospeso tra cielo e terra!

Auguriamo a tutti di poter incontrare, nel loro percorso di vita, persone che sappiano condurli in questo viaggio avvolto di Sacro e di Mistero!

One thought on “Il nostro viaggio, verso confini indefinibili, pregni di meraviglia ed infinito”

  1. Semplicemente Grazie della Vita e Grazie alla Vita … al suo Sacro Miracolo Naturale!
    Amen e Grazie
    Elisa 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *